Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Strumenti personali
Home Scenari di esposizione e SDS Scenari di Esposizione (capitoli) Scambio di informazioni lungo la catena di approvigionamento

Scambio di informazioni lungo la catena di approvigionamento

Il regolamento prevede che lo SE venga preparato dal produttore/importatore. E’ molto importante, tuttavia, lo scambio di informazioni tra fornitori e clienti prima e dopo l’elaborazione dello scenario.
Prima dello scenario lo scambio di informazioni serve a identificare gli usi della sostanza; dopo l’elaborazione dello scenario è di grande importanza che l’utilizzatore a valle (il cliente) comprenda se le sue condizioni di lavoro sono rappresentate nello scenario preparato dal produttore/importatore (il fornitore).
In questo ultimo caso possono essere distinti 4 casi:


•    Le condizioni di lavoro dell’utilizzatore a valle sono le stesse di quelle riportate nello SE.


•    L’utilizzatore a valle applica misure di tipo simile a quelle raccomandate dal fornitore e le condizioni operative sono quasi uguali.
      L’utilizzatore a valle può dimostrare e documentare che l’insieme delle sue condizioni ha praticamente la stessa efficienza di quelle
     descritte dal fornitore.

•    Il produttore/importatore ha elaborato lo SE in base a condizioni operative  e misure di gestione del rischio diverse da quelle in cui opera l’utilizzatore a valle. C’è bisogno perciò di valutare queste differenze, in base ad un meccanismo previsto nello SE.
      E’ necessario stabilire se le differenze rilevate, considerate tutte insieme, costituiscono o meno un rischio inaccettabile.
      Questo meccanismo è rappresentato da strumenti di scaling.
    
•    Nel caso in cui alle condizioni del caso precedente non si accompagna la presenza di un meccanismo per valutare le differenze tra lo scenario proposto e le condizioni dell’utilizzatore a valle, ma in cui dati sperimentali suggeriscono un’esposizione inferiore al limite considerato pericoloso (DNEL O PNEC), l’utilizzatore a valle deve elaborare un proprio CSA (Chemical Safety Assessment) e notificarlo all'ECHA.

 

 

 

pagina precedente              pagina successiva

 

Azioni sul documento