Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Strumenti personali
Home Autorizzazione Pillole su Autorizzazione Come funziona il processo di richiesta di autorizzazione da parte delle imprese?

Come funziona il processo di richiesta di autorizzazione da parte delle imprese?

Le richieste di autorizzazione devono essere presentate entro le scadenze stabilite per ciascun uso non esente dall'autorizzazione.

Esse devono contenere, fra le altre cose:

  • una relazione sulla sicurezza chimica con l'indicazione dei rischi relativi alle proprietà per le quali la sostanza è stata inserita nel sistema di autorizzazione (a meno che non sia stata già presentata contestualmente alla registrazione)
  • un'analisi di possibili sostanze o tecnologie alternative comprese, eventualmente, le informazioni sulla ricerca e sullo sviluppo previsti o già in corso per elaborare delle alternative.

Nel caso in cui l'analisi delle alternative indichi che esiste un'alternativa idonea, il richiedente deve presentare un piano di sostituzione spiegando come intende sostituire la sostanza in questione con la sostanza alternativa. L'idoneità delle alternative disponibili viene valutata tenendo conto di tutti gli aspetti pertinenti, compreso se l'alternativa riduce i rischi globali ed è attuabile sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista economico.

Nella loro domanda, i richiedenti possono inserire un'analisi socioeconomica, ma nei casi in cui non siano in grado di dimostrare un adeguato controllo dei rischi, e se non esistono alternative valide, l'analisi socioeconomica diventa un requisito obbligatorio da presentare insieme alla domanda.

Per ciascuna domanda si deve pagare una tassa.

L'Agenzia fornirà pareri di esperti per tutte le domande. Il richiedente, poi, può fare le sue osservazioni in merito a detti pareri.

FONTE: Regolamento REACH Articolo 62

Azioni sul documento