L'ECHA, impegnata ad aiutare l'industria ad adempiere ai propri obblighi normativi durante la pandemia di COVID-19, ha deciso di prorogare le scadenze previste per la fine di maggio. Le aziende interessate sono state informate direttamente di tali proroghe dal mese di marzo.

Per tener conto del periodo di transizione che terminerà il 31 dicembre 2020, ECHA ha modificato i suoi consigli alle aziende in merito alla Brexit.

Entro il 30 aprile il problema dovrebbe essere risolto. Possibili rallentamenti nella risoluzione dei quesiti.

A causa della pandemia di COVID-19 in corso e delle implicazioni che potrebbe avere per le aziende, l'avvio dei controlli sui CSR, prevista per per aprile 2020, sarà rinviata ad ottobre 2020.

Le scadenze per determinati processi saranno gestite in modo flessibile, compreso il pagamento delle fatture dovute a ECHA.

Il prototipo  consente alle aziende di acquisire familiarità con il database e testare come inviare le proprie notifiche SCIP.

SCIP Database: cosa occorre sapere

EUCLEF, il nuovo servizio online dell'ECHA, offre alle aziende la possibilità di avere libero accesso ad una panoramica della legislazione europea sulle sostanze chimiche.